Pagina 1 - ASD NAVACCHIOZAMBRA

Vai ai contenuti

Menu principale:

Amoroso-Fabbrini-Favilli > Fabbrini
Carriera
Cresciuto nelle giovanili dello Zambra e dell'Empoli, debutta in prima squadra e in Serie B il 21 agosto 2009, a 19 anni, nella partita in casa contro il Piacenza (2-0), subentrando nel corso dell'incontro a Francesco Lodi.[7] Il 6 marzo 2010 realizza il suo primo gol nella sconfitta esterna contro il Cittadella (2-1).[8] Alla sua prima stagione da professionista colleziona 30 presenze in campionato.
Il 31 agosto 2010 l'Udinese ne rileva la metà del cartellino, col giocatore che rimane un altro anno in Toscana, in compartecipazione tra le due società.[9] Nella sua seconda stagione con l'Empoli il suo rendimento risulta meno continuo.[10]
Il 24 giugno 2011 viene rinnovata della compartecipazione e Fabbrini passa all'Udinese.[11] In seguito l'Udinese rileva interamente il calciatore.[12] Il suo esordio coincide con la sua prima presenza nelle coppe europee: il 24 agosto entra infatti nel secondo tempo di Udinese-Arsenal (1-2) valida per il ritorno dei play-off di Champions League, nei quali l'Udinese viene eliminata. Il 15 settembre fa il suo esordio in Europa League, giocando titolare contro il Rennes. Il 25 settembre esordisce in Serie A entrando al posto di Gabriel Torje nel secondo tempo della partita Cagliari-Udinese (0-0). Il 2 maggio 2012 segna il suo primo gol nella massima serie, decisivo per la vittoria (1-0) sul campo del Cesena. Il secondo gol in Serie A arriva all'ultima giornata del campionato, il 13 maggio, che porta il risultato sul 2-0 per l'Udinese sul campo del Catania.
Gioca con più regolarità nella stagione seguente, segnando anche in Europa League il gol del 2-3 contro gli svizzeri dello Young Boys allo Stadio Friuli. L'Udinese risulta ultima del girone (composto anche da Liverpool e Anži Machačkala) e viene eliminata.
Il 31 gennaio 2013, ultimo giorno di calciomercato, passa in prestito al Palermo,[13][14][15] esordendo il 3 febbraio seguente, da titolare, in Palermo-Atalanta (1-2) della 23ª giornata, sotto la guida tecnica di Gian Piero Gasperini; esce al 68' per far posto a Mauro Formica. La settimana seguente, con Alberto Malesani allenatore, in occasione di Palermo-Pescara della 24ª giornata segna il suo primo gol con la maglia rosanero fissando il risultato sull'1-1. Successivamente gioca tutte le partite con i tecnici Malesani e il rientrante Gasperini, mentre con l'arrivo di Sannino gioca in due incontri, l'ultimo dei quali alla 31ª giornata. La stagione si conclude con la retrocessione dei rosanero, sancita il 12 maggio 2013 dalla sconfitta esterna per 1-0 contro la Fiorentina della 37ª giornata.
Il 19 luglio 2013 viene acquistato dal Watford, squadra militante nel Championship (la seconda divisione inglese) di proprietà della famiglia Pozzo.[16]
Il 31 gennaio 2014, ultimo giorno di calciomercato, passa in prestito al Siena, in Serie B.[17] A fine stagione fa ritorno al Watford.
Il 16 gennaio 2015 passa in prestito per 3 mesi al Millwall.[18] segnando il suo primo gol il 26 febbraio nella sconfitta interna contro lo Sheffield Wednesday. Il 26 marzo 2015 va in prestito per altri 3 mesi al Birmingham City.
Finiti i prestiti torna al Watford ma il 27 luglio 2015 viene ceduto ancora una stagione in prestito in Championship al Middlesbrough ma il 27 gennaio 2016 torna,sempre in prestito, al Birmingham City.
 
Torna ai contenuti | Torna al menu